Novità e Consigli - tips & tricks da Tramontin Arredamenti

Dimensione carattere: +

Arredamento total white: consigli per non sbagliare

Arredamento total white: consigli per non sbagliare

Il total white impazza, letteralmente, in tante case. Una scelta di stile forte che non lascia spazio a indecisioni. Il bianco è purezza, è luce e, caspita, è coraggio! Perché se il bianco sulle pareti sta bene con tutto, è il neutro per eccellenza, altrettanto non si può dire di un arredamento total white.

Si abbina a molti stili d’arredo, dal minimal, compagno d’eccellenza, al country, dall’industrial al moderno, ed è perfetto in tutte le stanze. Ma va progettato con attenzione per ogni dettaglio per non trasformare un ambiente elegante in un ambiente asettico e freddo. Avevamo detto che quest’anno vanno i colori forti e decisiIl bianco lo è.

Vantaggi e svantaggi dello stile total white

Scegliere il bianco per arredare la tua casa ha indubbi vantaggi 

  • è un colore luminoso e riflette la luce naturale. È perfetto per ambienti che devono sfruttare tutta la luce disponibile;
  • è un colore che nella sua neutralità comunica tranquillità;
  • fa sembrare ogni stanza ancora più grande;
  • puoi sbizzarrirti con complementi e accessori per creare contrasti di colore;
  • esistono centinaia di tonalità di bianco diverse che possono anche riscaldare l’ambiente e dare effetti totalmente diversi, per ogni gusto e per ogni tipo di luce naturale;
  • ti permette di creare ambienti di grande eleganza e raffinatezza;
  • ti permette di individuare subito ogni macchia (forse questo può non essere proprio un vantaggio…).

Ha anche però qualche fastidioso svantaggio

  • ogni sguardo ti fa cogliere macchie nuove, dicevamo. Il bianco è un colore decisamente impegnativo, soprattutto se ci sono bambini in giro.
  • è una scelta che necessita di grande attenzione, come dicevamo, per non rovinare l’effetto finale
  • può essere una scelta costosa perché un arredamento total white, proprio per la sua complessità progettuale ha bisogno di mobili di alta qualità

Come utilizzare il bianco nell’arredamento e nelle decorazioni

Abbiamo detto che il bianco non è solo… bianco. Quindi non tutte le tonalità vanno bene in tutti gli ambienti. Alcuni toni più freddi come il ghiaccio, sono adatti ad un bagno moderno sui toni del blu e dell’azzurro, mentre per un bagno classico o shabby, per la camera o il salotto, in stanze dove è presente un soffitto con travi a vista o pareti di mattoni puoi scaldare il tono con punte di beige o ocra.

Ricorda che il bianco è anche molto sensibile alla luce che lo modifica anche in modo sensibile allo sguardo. Una stanza orientata a sud, che riceve molta luce solare diretta calda e tendente al giallo, si riscalda anche se utilizzi un bianco puro, mentre una stanza rivolta a nord ha bisogno di toni più caldi.

Per i pavimenti scegli un marmo, una resina o un legno molto chiari per dare uniformità o molto scuri per creare un piacevole contrasto. Il bianco non ama le vie di mezzo.

Il colore però non deve mancare, ma essere un valido supporto alla scelta total white. Alterna accessori bianchi e di design ad accessori e tessuti colorati per creare movimento cromatico, ma dosandoli con attenzione per non distrarre l’attenzione dalla scelta forte e molto elegante del bianco.

Bianco e stile minimal vanno a braccetto. Bianco è semplicità. Per questo è un colore che richiama una scelta molto ponderata di un limitato numero di oggetti presenti in una stanza. Il che non rende l’ambiente distante e poco personale, ma anzi assolutamente unico, molto raffinato, contemporaneo a volte fuori dagli schemi.

Te la senti di fare questa scelta? Ti serve un consiglio? Passa a Lavis e affidati alle mani, penne e tastiere sapienti dei nostri arredatori. Ti aiuteremo a inserire il total white nella tua casa.





Non lasciarti sfuggire le nostre promozioni:

01 Banner Bonus 7ott16 01

Autori

Mamma

Ospite non ha ancora inserito la sua biografia

Sofia

Ospite non ha ancora inserito la sua biografia

Nonna

Ospite non ha ancora inserito la sua biografia

Papà

Ospite non ha ancora inserito la sua biografia

Wait a minute, while we are rendering the calendar